Servizio Associato - Unione Rubicone e Mare

Protezione Civile | Servizio Associato - Unione Rubicone e Mare

Servizio associato di pianificazione di Protezione civile

Con convenzione approvata con delibera di consiglio dell'Unione Rubicone e Mare n. 33 del 01/12/2014  tra i Comuni di Borghi, Cesenatico, Gambettola, Gatteo, Longiano, Roncofreddo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, Sogliano al Rubicone è stato istituito il Servizio associato di Protezione civile che svolge il compito di dare attuazione, tramite l'Unione dei Comuni, alle leggi nazionali e regionali in materia di protezione civile, nonché di favorire iniziative che perseguono finalità di prevenzione, previsione, gestione dell’emergenza e ricostruzione e cultura di protezione civile.

 

 

Il 4 novembre 2015 è inoltre stato approvato, con delibera di giunta dell'Unione n. 73/2015 il Regolamento del Servizio associato di protezione civile

 

 

Compiti del Servizio associato di protezione civile

 

  • redazione e aggiornamento dei piani comunali di protezione civile con predisposizione di studi di settore finalizzati all’aggiornamento del Piano intercomunale

  • approvazione e realizzazione del Piano sovracomunale di Protezione civile

  • coordinamento tra i Comuni, la Provincia di Forlì-Cesena, la Regione Emilia-Romagna e gli altri soggetti istituzionali preposti alla protezione civile

  • coordinamento, in accordo con i Comuni di riferimento, con le associazioni di volontariato attivabili in protezione civile

  • predisposizione degli aggiornamenti ai piani di emergenza comunali e alla predisposizione del piano intercomunale che ogni ente deve presidiare

  • collaborazione per l’eventuale ottimizzazione dei C.o.c. (Centro operativo comunale) e il mantenimento dell’efficienza delle sedi di C.o.m. (Centro operativo misto) per l’area dell’Unione e implementazione delle attività collegate

  • costituzione di un nucleo di coordinamento sovracomunale a supporto delle attività specifiche sia nelle fasi di emergenza che in tempo di pace

  • predisposizione di opuscoli, cartacei e web, omogenei per tutto il territorio dell’Unione, mediante la divulgazione di mappe on line ove siano evidenziati i punti di raccolta per la popolazione o attività di adesione e raccolta recapiti telefonici, per la divulgazione alla popolazione di tutti i territori dell’Unione delle procedure in caso di evento calamitoso

  • diffusione della conoscenza delle problematiche, delle metodologie di intervento e dei comportamenti da tenere in caso di eventi calamitosi, nei confronti della popolazione ed anche finalizzate al coinvolgimento dei cittadini interessati a diventare volontario di Protezione civile

  • acquisizione e conservazione delle attrezzature, anche con l'ausilio del volontariato locale, che si renderanno necessarie, secondo i piani, per fronteggiare le eventuali emergenze

  • coordinamento ed organizzazione delle esercitazioni di protezione civile finalizzate alla verifica delle procedure pianificate ed alla periodica formazione degli operatori di protezione civile e referenti delle funzioni del C.o.c.

     

 

 

 

 

Pubblicato il 
Aggiornato il